MIELE DI MANUKA
MIELE DI MANUKA

Miele di Manuka

Il miele di manuka è prodotto esclusivamente in Nuova Zelanda, deriva dal nettare dell’albero di manuka.

Sta diventando sempre più conosciuto e famoso per il suo spiccato potere antibatterico, superiore a molti altri tipi di miele.

Proprietà del miele di Manuka

Il miele è un alimento naturale usato fin dall’antichità utilizzato come medicina alternativa.

Migliora la riparazione dei tessuti danneggiati dalle infezioni e protegge dai danni causati dai batteri.

La qualità dipende dal tipo, da come e quando viene raccolto.

Alcuni tipi di miele possono essere molto più potenti di altri.

Perché il miele di Manuka ha maggiori proprietà?

Il componente principale dona al miele di manuka proprietà antibiotiche è il perossido di idrogeno.

L’altro componente antibatterico è il metilgliossale (MG).

Il MG è un composto presente nel miele comune, ma in piccole quantità, qui grazie al nettare dei fiori dell’albero di manuka vi è in maggiore quantità.

I produttori di miele hanno sviluppato una scala per valutare la potenza del miele di manuka, il punteggio è chiamato UMF, che sta per Unique Manuka Factor.

Potrebbe interessarti: Argento colloidale: antibiotico naturale per eccellenza

Quale è il fattore per definire la potenza del miele di Manuka: UMF

Si pensa che la classificazione UMF corrisponda alla concentrazione di MG e altri composti.

Non tutto il miele etichettato come manuka contiene livelli significativi di fattori antibatterici.

Per essere considerato abbastanza potente da essere terapeutico, questo miele ha bisogno di un punteggio minimo di 10 UMF, con un punteggio pari o superiore a tale livello è commercializzato come “Miele di Manuka UMF” o “attivo”.

Usi del miele di Manuka

In ambito medico viene generalmente utilizzato per il trattamento di ferite e ustioni.

Un recente studio suggerisce che il miele di manuka può essere efficace nel prevenire la gengivite e altre malattie parodontali riducendo l’accumulo della placca.

Viene inoltre utilizzato per altre situazioni quali:

Mal di gola e tosse: Le sue proprietà antivirali e antibatteriche possono ridurre l’infiammazione e attaccare i batteri che causano dolore, ricopre anche il rivestimento interno della gola per un effetto calmante. È interessante notare che i ricercatori hanno riscontrato una diminuzione significativa di Streptococcus mutans dopo aver consumato il miele di manuka

Ulcere gastriche: Aiuta a prevenire le ulcere gastriche, anche quelle indotte dall’alcol

Salute del tratto digestivo: Aiuta a ridurre stitichezza, diarrea, dolore addominale e menti intestinali irregolari.

Fibrosi Cistica: i ricercatori hanno concluso che il miele di manuka può svolgere un ruolo importante nel trattamento delle infezioni delle vie respiratorie superiori, specialmente in quelli con fibrosi cistica.

Trattare l’acne: L’attività antimicrobica e antinfiammatoria di questo particolare miele, quando usata in combinazione con un prodotto a basso pH, aiuta a contrastare e combattere l’acne.

Potrebbe inoltre aiutare a mantenere la pelle libera dai batteri, velocizzando il processo di guarigione dell’acne.

Potrebbe interessarti: 3 modi per rinforzare le difese immunitarie

Miele di Manuka effetti collaterali

Il miele di manuka generalmente non ha effetti collaterali ed è sicuro da consumare.

Tuttavia, alcune persone dovrebbero consultare il proprio medico, vediamo chi.

  • Persone con diabete. Tutti i tipi di miele sono ricchi di zuccheri naturali. Pertanto, il suo consumo  può influenzare i livelli di zucchero nel sangue.
  • Quelli allergici al miele o alle api. Quelli allergici ad altri tipi di miele o api possono avere una reazione allergica dopo l’ingestione o l’applicazione.
  • I neonati. L’American Academy of Pediatrics sconsiglia di somministrare il miele ai bambini di età inferiore a uno a causa del rischio di botulismo infantile, un tipo di malattia a trasmissione alimentare.

Riferimenti:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4398880/
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18688794
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23651562
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4685122/
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10784339
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20618098
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21636188
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25253413
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24666777https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26832428

Lascia un Commento